Camellia ‘Night Rider’, una camelia color barbabietola

 

L’amico Giulio Baistrocchi, eccellente giardiniere e grande esperto di piante, mi ha segnalato un’affascinatissima camelia dalle corolle rosso porpora, in fiore in questi giorni in Georgia, secondo quanto pubblica sulla sua pagina FB il fotografo Gene Phillips. Si tratta di Camellia x willamsii ‘Night Rider’, un ibrido fra Camellia x willamsii ‘Ruby Bells’, dalle corolle stradoppie rosso vivace, e Camellia japonica ‘Kuro Tsubaki’, dai fiori piccoli, doppi, rosso cupo.

L’insolita Camellia x willamsii ‘Night Rider’ è stata introdotta sul mercato  dall’ibridatore neozelandese O. Blumhardt, nel 1985. È un arbusto sempreverde compatto, di piccola taglia, dal fogliame aggraziato, coriaceo, appuntito, dentellato, verde scuro, e dalla fioritura più cupa e misteriosa fra tutte le camelie. Le sue corolle vellutate, dai petali robusti elegantemente ripiegati all’indietro, di un rosso porpora scurissimo, in contrasto con gli stami giallo oro, sbocciano da febbraio-marzo ad aprile-maggio a seconda del luogo, ma anche con qualche anticipo (come in questo caso, ma del resto manca poco a febbraio), in base alla posizione in cui si trova la pianta, al microclima e alle bizzarie dell’andamento climatico. ‘Night Rider’ è dunque una camelia dall’aspetto intrigante, ideale da coltivare nelle bordure di arbusti come in vaso, che non supera, in piena terra, l’altezza di 120 centimetri. Come tutte le camelie, va piantata in ombra leggera od ombra mista, nei climi freschi e nei terreni soffici, ricchi di sostanza organica e possibilmente acidi o quanto meno neutri, da conservare umidi. Per favorire la fioritura, concimatela con un prodotto ricco di fosforo e potassio in giugno-luglio, quando comincia a differenziare le gemme a fiore, raccomanda Roberto Baradal, vivaista eclettico dal quale ho sempre molto da imparare (Vivaio Baradel, vicino a Como). E, se non piove, bagnatela bene, o rischiate di non vedere alcun fiore! «In questo periodo», avverte Roberto, «i giochi sono fatti».

Un appunto dell’ultimo minuto: il caro amico Andrea Frigerio, che per tanti anni ha lavorato per il grande vivaio Compagnia del Lago Maggiore, specializzato in camelie, rododendri e altre acidofile, ha definito il colore di ‘Night Rider’ “barbabietoloso”… Voi che ne pensate? Io concordo, ma in ogni caso non è davvero stupenda? Grazie, Giulio!

 

4 Commenti

  • Johnk924
    6 Marzo 2017 9:12

    I think this is one of the most important info for me. And i am glad reading your article. But wanna remark on few general things, The web site style is ideal, the articles is really excellent D. Good job, cheers eagebcgcbcdg

    • Margherita Lombardi
      6 Marzo 2017 10:26

      …but?

  • Kiwoncello
    6 Gennaio 2019 12:16

    Sì, magnifica questa “quasi nera” ormai facilmente disponibile presso molti vivai nazionali ed i colori della foto sono reali: altrettanto spettacolari le nuove foglie color fuoco che allietano la primavera della pianta che peraltro ha una crescita molto lenta. La amo.

    • Margherita Lombardi
      7 Gennaio 2019 12:01

      Grazie!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.