La mela Ciucarina

Osservate questo bel cesto di frutta, acquistata da un ortolano di Cassine, in provincia di Alessandria, e coltivata in zona, senza troppi trattamenti, come dimostrano i tanti bucherelli presenti. Pere, prugne succose e mele: fra queste, c’e’ una piccola mela insolita, allungata, dalla buccia verde chiaro in parte sfumata di rosso. E’ la ‘Mela Ciucarina’, talvolta detta anche ‘Ciuchina’, un’antica varieta’ del Monferrato. I suoi nomi non hanno pero’ niente a che vedere con ciucche o asinelli: “ciucarina” significa “campanella”, perche’ quando questa mela e’ matura, se la scuotete tintinna come una campanellina,e’ poiche’ la loggia che ospita i semi a maturita’ diventa particolarmente spaziosa e quindi agitando il pomo, questi ultimi cozzano contro le parti.

Rustica e sana, come i frutti antichi in genere, la ‘Mela Ciucarina’ e’ anche squisita: profumata, ha buccia sottile e polpa bianca, fresca, dolce e croccante. Ne esistono due forme: la ‘Ciucarina Bianca’ e la ‘Ciucarina Rossa’. Si raccoglie in settembre-ottobre.

Per acquistarla, potete per esempio rivolgervi all’Azienda La Pomera, a Vignale Monferrato (0142 933378), che ha creato un meleto di 360 piante, fra cui 49 varieta’ di antiche mele monferrine, e, nel vecchio fienile, ha allestito un Museo Contadino, in cui scoprire attrezzi agricoli, utensili domestici, vestiti, giocattoli e molti altri oggetti d’epoca. Oppure all’Azienda La Bettola, a Terruggia (tel. 0142.403254; +39.333.4441281), che propone visite guidate nel proprio meleto, con la possibilita’ di raccogliere i frutti, seguiti da laboratori di cucina per grandi e bambini.

E per acquistare invece le piante? Provate presso il Vivaio Melamangio, via Case Dorato, 6 Odalengo Piccolo (Al), tel. 0141 919210 – cell. 333 560622.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.