I giardini segreti di Ravenna

“Giardino e Dintorni” è un’associazione di Ravenna di giardinieri amatoriali, che ha come scopo la promozione e la diffusione della cultura del verde. Organizza “Giardini Segreti”: l’apertura (gratuita) di circa 25-30 giardini privati, distribuiti fra Ravenna, Russi, Bagnacavallo, Lugo, Alfonsine, Fusignano, Faenza, durante tre domeniche di maggio-giugno e di settembre-ottobre. Sono giardini spesso nascosti, protetti e invisibili di chi passeggia in strada, ma sorprendenti appena se ne varcano i cancelli: grandi o piccoli, sono il frutto del lavoro e della passione dei proprietari. Chiunque sia interessato, anche se privo di giardino o terrazzo, può iscriversi all’associazione e partecipare agli incontri, workshop e visite.

Il prossimo appuntamento per la primavera sarà domenica 13 giugno, dalle 10 alle 19, salvo quando diversamente indicato. Altre aperture sono previste  in settembre-ottobre. Non tutti i giardini apriranno il 13, ma abbiamo preferito inserirli tutti. In futuro alcuni apriranno anche a richiesta in altri periodi. Per informazioni e prenotazioni, chiedete direttamente Giardino e Dintorni (+39 335 1315187, giardinoedintorni@gmail.com) o seguitene la pagina facebook Giardini Segreti.

Per vostra praticità, abbiamo suddiviso i giardini  in tre itinerari. Chi di voi, per questa o altra occasione, si rechi a Ravenna o dintorni, non dimentichi di ammirarne i celebri mosaici colorati che ornano molti degli edifici del centro storico, ta cui la Basilica di San Vitale, a pianta ottagonale, la Basilica di Sant’Apollinare Nuovo, risalente al VI secolo, e il Mausoleo di Galla Placidia, con pianta a croce. A nord del centro si trova in oltre il Mausoleo di Teodorico, costruito nel VI secolo per Re Teodorico il Grande, un edificio funerario circolare gotico in pietra con cupola monolitica.

 

A nord di Ravenna

“Il Rifugio della Rosa”, via Reale Lavezzola 89, Villa Pianta Alfonsine (RA): in fiore quasi tutto l’anno, ospita una vasta collezione di rose, peonie arbustive ed erbacee, molte delle quali ottenute da seme dai proprietari. Apertura il 13 giugno. Distanza dal giardino successivo, Geometrie Fiorite: 4 km.

Geometrie Fiorite

“Geometrie Fiorite” , via Piantavecchia 46  Voltana (RA): un grande giardino caratterizzato da numerose figure geometriche ricche diarbusti, fiori e alberi, scelti da Maria Teresa che li cura con amore insieme al marito. Distanza dal giardino successivo, Agrumi di Alfonsine: 14 km.

 

Gli Agrumi di Bandini

“Agrumi di Alfonsine di Bandini”: via Stroppata 159 , Alfonsine (RA): un giardino molto articolare giardino grazie alla presenza di numerose piante di agrumi coltivati a terra, fra cui pomelo, aranci navel, limoni, kumquat e lime, che hanno ormai raggiunto dimensioni ragguardevoli.  Apertura il 13 giugno solo su appuntamento. Distanza dal giardino successivo, Passioni di Renza: 5 km.

“Il giardino di Angelo Bagnari”, via Stroppata 163 alfonsine (RA): un terreno agricolo trasformato, dal 1994, in giardino boscoso, con una suggestivo laghetto adorno di ninfee, e uno spettacolaree tiglio centenario. Apertura il 13 giugno.

“Piante grasse di Cavassa”, via degli Orsini 51,  Alfonsine (RA): un giardino dedicato alle piante grasse, grande passione del proprietario, Luciano Cavassan naturalista studioso di biodiversità. Apertura il 13 giugno, con visita alla collezione.

 

Le Passioni di Renza

“Passioni di Renza” , via Guerrina 52, Alfonsine (RA): un giardino in continua espansione nato dal recupero di un terreno. Custodisce collezioni di ortensie, Malus, salvie, iris,  bulbose, alberature, alberi da frutto e orto. Apertura il 13 giugno, fino al tramonto. Distanza dal giardino successivo, Il Giardino dei Cavalli: 9 km.

“Labirinto effimero”, via roma 111, Ravenna: un vasto labirinto realizzato con filari di mais, tracciato ogni anno nei terreni dell’azienda agricola di Carlo Galassi, che da 30 anni opera nel settore della floricoltura e dell’arredo e complementi d’arredo per il giardino. Primi in Italia a proporre l’idea del labirinto nel mais, nel 2009, è uno dei più grandi d’Europa. Apertura il 13 giugno con visita guidata

 

il Giardino dei Cavalli

“Il Giardino dei Cavalli”:  via Grattacoppa 277/Y, Grattacoppa (RA): un giardino di campagna dove vivono in armonia natura ed animali, fra cui due  cavalli, anatre e galline ornamentali. Si estende per 3000 metri quadrati e comprende collezioni di rose antiche, ortensie, erbacee perenni ed arbusti. Vi si accede dal vialetto a fianco della casa. Distanza dal giardino successivo, Ecomuseo delle Erbe Palustri:  10 km.

 

Ecomuseo delle Erbe Palustri

 “Ecomuseo delle Erbe Palustri” , via Giuseppe Ungaretti 1 , Villanova di Bagnacavallo (RA): etnoparco e museo dedicato alla tradizione delle erbe palustri, sottoforma di  itinerario che ricostruisce con finalità didattiche il ciclo produttivo dallo sfalcio all’utilizzo delle cinque erbe primarie (canna, giunco, stiancia, carice, giunco pungente), provenienti dalle valli emiliano-romagnole. Il percorso comprende la ricostruzione ambientale dei luoghi e dei momenti della manipolazione delle erbe, il recupero dell’attrezzatura originale per la lavorazione delle erbe e del legno, il recupero dei manufatti originali e infine la ricostruzione fedele della produzione classica del periodo 1850-1950. L’allestimento è completato dalla mostra permanente «Giochi di una volta» e nel parco pubblico di fronte sono presenti  installazioni artistiche di intreccio caotico vegetale. Apertura il 13 giugno per Giardini Segretil. Prenotazioni al 0545 47122. Distanza dal giardino successivo Giardino incantato di Elio: 1,3 km.

“Giardino incantato di Elio”, via Aguta 34 , Villanova di Bagnacavallo  (RA):  giardino romantico, con una zona a bosco e molte rose. Apertura il 13 giugno. Distanza dal giardino successivo, Il Giardino Pacchioli: 1,5 km.

“Il Giardino Pacchioli” , via Cocchi  102/A, Villanova di Bagnacavallo (RA): giardino di rose dalle grandi fioriture, e fiori di stagione curati con passione dal proprietario. Apertura il 13 giugno. Distanza dal giardino successivo, “Podere Pantaleone”: 7 km.

 

A ovest di Ravenna

“Podere Pantaleone”, vicolo Pantaleone 1, Bagnacavallo (RA): rappresenta un’area di riequilibrio ecologico, con le zone umide e il bosco caratteristici della Pianura Padana nell’antichità. Apertura il 13 giugno. Distanza dal giardino successivo, Casa/Giardino/Officina: 2 km.

“Casa/Giardino/Officina”: via Matteotti 28, Bagnacavallo (RA): un vecchio  sito industriale trasformato in giardino, caratterizzato da alberature sempreverdi, arbusti e fiori, per l’occasione esposizione opere pittoriche di Tambini Ortes in tema con l’evento. Apertura il 13 giugno, con possibilità di apericena in cortile fino ore 22 su prenotazione al numero 339 2316895.  Distanza dal giardino successivo, Il Giardino di Alba e Osvaldo: 12 km

“Il Giardino di Alba e Osvaldo” , via Fossolo 46, Fossolo (RA): un giardino ricco di profumi, colori e forme. Apertura il 13 giugno. Distanza dal giardino successivo, Il Giardino di Patrizia della Valle:  5 km.

 

il giardino di Patrizia Dalla Valle

“Il Giardino di Patrizia Dalla Valle” , via Provinciale Prada  11, Prada (RA):  Giardino a stanze ricco di alberi e cespugli con varie cromie,rose rampicanti e clematide in fiore, arbusti vari. Giardino a stanze ricco di alberi e cespugli con varie cromie,rose rampicanti e clematide in fiore, arbusti vari. Distanza dal giardino successivo, L’Essenza di Annetta:  0,5 km.

 

Essenza di Annetta

“L’Essenza di Annetta”, via Viazza 3,  Faenza (RA): il “giardino delle erbe aromatiche e dei frutti d’oro”, è un tuffo nei profumi e nei sapori alla scoperta di tantissime varietà di erbe commestibili e frutti dimenticati. Apertura il 13 giugno. Distanza dal giardino successivo, Il Parco Orto De Faentin: 7 km.

“Parco Orto De Faentin”, via a Farini 29,  San Pancrazio (RA): un giardino naturalistico con grandi alberi, fra cui tigli, robinie, pioppi bianchi, querce,  gelsi, fioriture di stagione, zona umida e diversi animali. Distanza dal giardino successivo, Cà ad Matrèn: 0,50 km.

 

Cà dì Matren

“Cà ad Matrèn di Marta, Mario e Yuri”: via Adige 7, San Pancrazio (RA): parco giardino con alberi secolari, zona dei frutti dimenticati, una bella collezione di fioriture stagionali e una passione per i papaveri che rendono questo parco una degna cornice per la casa del ‘700 da cui prende il nome. Distanza dal giardino successivo, “Il giardino di Ines e Lelio”:  4,5 km.

 

il giardino di Ines e Lelio

“Il giardino di Ines e Lelio” , via Sauro Babini 87, Roncalceci (RA): un giardino di campagna, carattierzzato da siepi autoctone della tradizione romagnola, alberi decidui, frutti dimenticati, rose antiche, pimpinellifolie, botaniche e molte altre,  peonie arbustive ed erbacee, salvie ornamentali, cisti, phlomis, piante aromatiche, erbacee perenni e vari tipi di arbusti.  Distanza dal giardino successivo, Cà Ridolfi: 6 km.

 

Cà Ridolfi

“Cà Ridolfi”, via Del Dottore 33, Ravenna: agriturismo e fattoria didattica accompagnati da un sobrio giardino di campagna, conalberi autoctoni, betulle e querce, rose antiche, piccole aiuole con erbe aromatiche e alcune opere in ferro di Aurelio Brunelli. Distanza dal giardino successivo, Mamma Je  6 km

“Mamma Je” , via Cella 283/A, San Bartolo (RA): azienda agricola specializzata in fragole e altri fruttiferi. Distanza dal giardino successivo, ll Giardino di Michele Beltrami: 4,5 km.

 

Da Ravenna al mare

 

Giardino Michele Beltrami

 “Il Giardino di Michele Beltrami”, via Arg. Destro Fiume Ronco 20, Madonna dell’Albero: oiacevole giardino di campagna, volutamente selvatico, con collezioni di rose antiche, digitalis, allium e perenni. Una piccola oasi fra il cottage e il selvatico sotto il rivale del fiume. Per l’ccasione, esposizione e vendita a cura deivivaio Les Collettes e  Sisaflor. Apertura il 13 giugno. Distanza dal giardino successivo, Il Giardino del Labirinto:  6,5 km.

 

Il Giardino del Larinto (ph. dal web)

“Il Giardino del Labirinto”, via  Port’Aurea 57,  Ravenna: giardino pubblico situato davanti alla Casa Circondariale, nel quale è stata installata un’opera permanente a cura dell’Associazione Dis-ORDIN, patrocinata e finanziata dal Comune di Ravenna, con il patrocinio del Comitato Nazionale per le Celebrazioni del Settecentario della morte di Dante. Si tratta di un labirinto pavimentale in mosaico, creato  fra il 2017 e il 2019.Il percorso presenta 169  elementi decorativi riferiti agli elementi naturali presenti nell’opera del sommo Poeta, realizzati da artisiti e mosaiciti da quattro generazioni , formati nelle Scuole d’Arte di Ravenna e altri internazionali di passaggio a Ravenna. Si sviluppa attraverso moduli triangolari in mosaico, in richiamo ai motivi del labirinto della Basilica di San Vitale e al celebre finale “E quindi uscimmo a riverde le stelle” (Inferno, XXXIV, 139). Apertura il 13 giugno per Giardini Segreti con visita guidata gratuita. Distanza dal giardino successivo, Le coin perdu: 5 km.

“Le coin perdu” , viale Giorgio Pallavicini 20, Ravenna:piccola corte interna di un immobile edificato nel 1937 a ridosso dei bastioni di Porta Alberoni,è ornata da due aranci, piante da frutto, calle, ortensie e un antico pozzo da cui si attinge l’acqua d’irrigazione. Apertura il 13 giugno. Distanza dal giardino successivo, Il giardino di Giuliano Rambaldi: 6 km.

“Il giardino di Giuliano Rambaldi”, via Romea Vecchia 120,  Classe (RA):  giardino ricco rose, iris, scille peruviane e alberi vari. Apertura il 13 giugno. Distanza dal giardino successivo, “Az. Florovivaistica Sauro Campri”: 12 km.

Az.agr. Sauro Campri

“Az. Florovivaistica Sauro Campri”: via Lunga 33, Santo Stefano  (RA): specializzata in piante in forma, rose, arbusti da fiore, è arricchita da un nuov giardino mediterraneo dimostrativo. Apertura il 13 giugno, con vendita arbusti e piante fiorite ed esposizione di artigiani del territorio. Distanza dal giardino successivo, L’Ortogiardino di Anna e Giorgio: 12 km. 

 

 

OrtoGiardino di Anna e Giorgio

“L’Ortogiardino di Anna e Giorgio” : via Ragazzena 121, Castiglione di Cervia (RA): giardino molto amato, contorno di  “Cà Bergamasca”,  casa colonica risalente ancora all’epoca rinascimentale legata ad antiche leggende, ricco di profumi e colori, composto prevalentemente da piante officinali autoctone e alberi da frutto. All’ingresso, quattro maestosi tigli e un pozzo d’epoca. Apertura il 13 giugno. Distanza dal giardino successivo, Il Giardino Selvatico: 10 km.

“Il Giardino Selvatico”, via Marignolli 26, Lido di Classe  (RA): giardino selvatico di piante, erbe e fiori spesso raccolti dai proprietari, salvandoli da triste destino. Apertura il 13 giugno, con eventi organizzati per tutto il fine settimana tra cui scambio libri, presentazione libro “Malerbario” con intervista e lettura dell’autore.  

 

 

 

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.