La Rosa da sciroppo

Me l’ha segnalata Marcello Campanella, che la coltiva nel proprio vivaio Manuflor (inserito nell’itinerario Andar per vivai: la Riviera di Ponente, Liguria/2): è la ‘Rosa Bruna’, coltivazione caratteristica della Liguria e in particolare nella Valle Scrivia. Oltre ad avere una bella corolla stradoppia, rosa magenta, molto profumata, è per tradizione una delle più utilizzate per preparare, con i petali, sciroppi, altri derivati alimentari e prodotti cosmetici. E questo grazie a una loro concentrazione zuccherina più elevata rispetto a quella presente in altre rose. ‘Rosa Bruna’ è un arbusto di taglia piuttosto ridotta (80x80c entimetri), che quindi trova facile posto in un giaridno e anche su un terrazzo.

Nella tradizione ligure, tuttavia, si utilizzano per lo sciroppo molte altre rose antiche, non rifiorenti, ma ancor più profumate, per esempio Rosa centifolia e R. centifolia muscosa, Rosa gallica, Rosa rugosa e loro varietà, in genere mescolandone i petali.

Rispondi